Come funziona la diffamazione su Facebook – Lex and the city

Come funziona la diffamazione su Facebook

3 Maggio 2021

La diffamazione su Facebook può portare a gravi conseguenze: per questo tipo di reato è infatti prevista un’aggravante.

 

Anche la Cassazione ha affrontato il tema: in una sentenza del 2016, ha spiegato che “anche la diffusione di un messaggio diffamatorio attraverso l’uso di una bacheca Facebook integra un’ipotesi di diffamazione aggravata (..), poiché (..) ha potenzialmente la capacità di raggiungere un numero indeterminato di persone”.

 

È quindi opportuno stare molto attenti a ciò che si scrive in rete: se le parole non rientrano nei limiti di quanto è consentito dalla legge si rischia sia una condanna penale, sia di dover risarcire il danno alla persona offesa.

 

Cosa si intende per diffamazione

Si può parlare di “diffamazione” anche in caso di offese indirette, cioè quando l’intento diffamatorio viene raggiunto con mezzi indiretti (es. le allusioni), suscitando dei dubbi sulla condotta della persona che subisce la diffamazione. 

 

Ciò avviene non solo attribuendo falsamente un fatto illecito, ma anche divulgando fatti che, seppur leciti, potrebbero suscitare disapprovazione da parte dei conoscenti della vittima, ponendosi in contrasto con norme etiche universalmente riconosciute.

 

È quindi opportuno ponderare bene le parole!

 

Desideri maggiori informazioni sull’argomento?

Contattaci via tel o via WhatsApp al numero 3516214447!

La nostra e-mail

info@lexandthecity.net

Chiamaci al

+39 049 1234567

Video consulenza online

Come funziona il nostro servizio?